Vai Su

Diavolella.it

C’è un'edicola molto famosa nella piazza principale del comune di Minori: “COS’ ‘E PAZZ”, meglio conosciuta come “’A DIAVULELL”. Serve qualcosa? Un bottone, un giornale, scarpe, pastori per il presepe o farsi fare un buco alla cintura? “vai dint a Diavulell!”. Quante volte ci siamo sentiti dire o abbiamo detto questa frase? Beh, I tempi cambiano e per noi son cambiati. Ma la prima cosa che succede quando i tempi cambiano e aggrapparsi alle nostre radici ed alle nostre tradizioni.

Quelle tradizioni che sono la cartina al tornasole del mutamento sociale e che ci disegnano nuovi lineamenti di un vecchio volto. Il nostro vecchio volto è quello della Diavolella. La radice più robusta, genoma di una generazione che può raccontare più di quanto si possa immaginare dalla staticità della sua iperattività. Non c’è niente di più ricercato di una certezza in un periodo di mutamenti e la nostra merceria sentimentale ne offre a bizzeffe.

In principio l’idea del sito era in realtà un progetto. Quando fu fondato DIAVOLELLA.COM volevamo trasmettere su larga scala quello che faceva la signora Trofimena Orio in piccolo nella sua “puteca”: Trovare tutto, non lasciare mai il cliente a mani vuote. E noi volevamo questo, una volta visitato il sito non lasciarlo nel dimenticatoio, essere stato utile anche solo per una piccola informazione. Volevamo raggiungere tutto e tutti. Gli eventi ci sono stati contro, ma non per questo abbiamo abbandonato l’idea di migliorare anche solo un poco il nostro territorio e le persone che ci vivono. Non vogliamo mai sostituirci all’onnipotente sia chiaro, ma non provare a dare qualcosa in più ci fa sentire un po’ le coscienze sporche.

Ed è così che parte questo nuovo progetto. Un progetto con l’unico obiettivo di far riflettere, sorridere e dar voce alle cose ed alle persone belle che restano nascoste per paura di mostrarsi. Raccontare la quotidianità sotto diverse le lenti della critica e dell’ironia, provare a proporre qualcosa di nuovo, quantomeno di cambiare qualcosa in questi tempi di apatia e agonia mentale. Un luogo ideale di ritrovo e di sfogo. Un punto di riferimento, ora che ce n’è davvero bisogno.

Ci mettiamo in gioco, per l’ennesima volta. Per sentirci dire qualche volta che abbiamo bisogno di ridere

“Vai ‘ncopp ‘a DIAVOLELLA.IT!”