Vai Su

Inno del Giovane Minorese

 

E si me vuò me truove annanze a stu Crystàll

Ca ce guardamme ‘nfaccia e ce scassamme e pall,

me truove sempre cà fino e tre ra matina

assettate tutti quante attuorne o tavuline,

 

 a vote ca me aize, pecchè aggia fa pipì

ce scappa a discussione: o napule, o PD!

oppure passa n’ata oretta

vuttata appriesse a machinetta

 

Me lamento ro paese, ra fatica e ro stipendio

Ma me truove ancora ccà e nun me ne fotte niente

Me ne voglie fujiere a Munure,

ma si rimane tenesse l’occasione

Roppe rimane sto n’ata vota ccà,

e faccia o mare ca se move …

 

Matteo Cobalto