Vai Su

I Sentieri Dell'Inciampo

Continuiamo il nostro "Tour Virtuale", iniziato dal campo “Leo Lieto”, attraverso i meandri e i dissesti, estetici e non, del nostro piccolo gioiellino chiamato Minori. E non dobbiamo neanche spostarci di tanto, visto che è il turno di dare una controllata al centro nevralgico, al cuore di ogni qualsivoglia manifestazione di “minoresità”: Il Lungomare California.

Partendo dallo storico Chioschetto di Patrizia, subito di fronte a voi, potrete ammirare la splendida piscina “innaturale”: creata dalla rimozione di una delle vecchie Palme “ammalate”. Questo piccolo bacino irregolare segna anche l’inizio del tour de “I Sentieri Dell’Inciampo”, progetto architettonico voluto fortemente dal disinteresse del Comune. Il Sentiero, che si protrae per tutta la lunghezza della passeggiata, è formato da una miriade di buche e avvallamenti che causano il caratteristico “inciampo” appunto delle persone che vengono ad ammirare questa meraviglia della natura. Si calcola che nei giorni di massima affluenza si arrivi anche a 15 inciampi al minuto, e si prevede che questa media possa anche aumentare negli anni a venire. 

Proseguendo oltre il primo bacino, troverete alla vostra destra l’opera contemporanea “Nostalgi(o)co”:
trattasi di 6 piccole installazioni di vecchi cavallucci a dondolo ormai consumati dal tempo, che ci ricordano la semplicità e l’allegria dei colori accesi di un tempo. La loro originalità sta proprio nel fatto che queste mini-opere si siano ridotte in questo stato nel giro di pochi mesi. Infatti, nel giugno 2014 vengono acquistate ed installate come nuove con un esborso di qualche migliaio di Euro, e adesso, ad un anno di distanza vedono il loro valore raddoppiato se non addirittura triplicato. Alla faccia delle malelingue, che hanno accusato il committente di aver fatto solo propaganda elettorale, dato che casualmente l’annuncio e la successiva installazione sono avvenuti per puro caso a ridosso della scorsa tornata elettorale. Una Bella Rivincita!

Proseguendo lungo il percorso si arriva alla famosissima "Piazza Rossa", dove campeggia l’obelisco della Santa Patrona di Minori. Per la sua struttura questo spazio è anche definito “La piccola Trafalgar Square”.
Prima di calpestarne il suolo liscio del suo particolare asfalto rosso dell’epoca Romana, bisogna soffermarsi sulle piccole finestrelle che dalla pavimentazione danno la vista alle affascinanti “Catacombe Marittime”. Una volta arrivati al centro si potrà notare il letto del vecchio corso d’acqua in direzione del mare, e l’antica cabina medievale per la dogana, risalente all’epoca dell’Amalfitana Repubblica.


Proseguendo oltre e arrivando a fine percorso, giungerete allo Piazzale Marinai D’Italia ove, a ridosso del mare, troverete la suggestiva terrazza panoramica con vista su “Papere” alle quali, in barba alla segnaletica, potrete divertirvi a buttare qualcosa da mangiare ai simpatici amici dai piedi palmati.

Di qui non resta altro che ripercorrere a ritroso il suddetto percorso e farlo quante volte volete, come da antica tradizione del popolo minorese. Se volete proprio calarvi nel personaggio vi suggeriamo di farlo con le mani unite al fondoschiena ed intraprendere con gli amici una discussione riguardante i problemi del paese o qualche inciucio di vostri concittadini, fermandovi ad intervalli regolari e gesticolare animatamente prima di procedere alla prossima sosta.

Segnaliamo inoltre a tutti i turisti che il Percorso è fruibile per tutti solo dalle 18:00 fino alle 10:00 del giorno successivo, in quanto per la mancanza di zone d’ombra è sconsigliata la sosta, ed interdetta ad anziani e bambini, pricipali soggetti a rischio di insolazione e disidratazione. L’uso delle panchine è riservato dalle 12:00 alle 15:00, previa prenotazione, a coloro che intendano organizzare barbecue e picnic, sfruttando la seduta in ferro come griglia per cucinare i propri cibi con gli amici e la famiglia. 
Fino alla risoluzione di questo increscioso problema potrete sfruttare il "Salotto" di C.so Vittorio Emanuele, ombreggiato e dotato di panchine temporanee usa e getta. Fare attenzione ai cuscini dopo la pioggia.

 

Nella Prossima Puntata: “Il Rally di Via Gerardo Amato”

 

Davide Sammarco