Vai Su

"Che Cazz Chiagn a ffà?"

Sono di certo sempre i migliori che se ne vanno. In questi ultimi mesi di perdite ne abbiamo avute e nulla più di certi eventi smuovono le nostre anime intorpidite da ben altre priorità.

Di Daniele Lembo ci sarebbe fin troppo da ricordare e ancor di più da discutere. Ma non poterlo fare con lui ci toglierebbe anche il gusto di farlo. Il caro Daniele ci ha lasciato molto in termini materiali con i suoi scritti, le sue ricerche e la sua presenza dura a mollare. Ci ha lasciato molto di più, un vuoto incolmabile sulle cose che avrebbe potuto ancora insegnarci.

 

Ho chiesto all'amico Matteo Cobalto di ricordarlo a suo modo. Non ha di certo deluso le attese. Avremmo potuto e possiamo certamente fare di più per il futuro, ma per adesso abbiamo bisogno di un pò più di tempo affiche il suo ricordo non bruci nella disperazione ma riscaldi nel sorridente ricordo del suo essere: Sorridente e semplice.

 

Stanotte nun riusceve a pijà suonne
e me stev cu o silenzie a me avvilì
anche se pò pensav: è cose e niente,
ce sarà nu tiempe eterno pe durmì!

Ma manche là se rorme...
tanto è vero che a rinte o scure
comme a na fulate e vient
s'ha fatt annanz na figure.

"Oue Daniè maronna mea
sta surpresa miez a notte
o saccie ca si originale
ma ie m'aggie cacat sotte!

E pò vabbuò ca si n'artist
e te sai fà perdunà
ma comm'è ca te ne iut
e senza manche salutà?"

E nun pass nu mument ca iss respunnett:
"Oue ma to o saie ca si proprie fess?
aggie venute pe dicere doie cose
e pecciò famme parlà ca vaghe e presse...

è vero si che a notte fa paura
ma nun sempre tu te a chierere pecchè
piense sul che tra poco schiara l'alba
e tu manco hai fatto a mossa e nu cafè...

Ie scrive nu libre o juorn 'mparavise
ca llà tutt quante vonne sentì e storie
e gente semplice chiù saggie re filosofe
e puverielle ricchi rinto o core

a famiglia e amici lascio nu messaggio
che chi fa bene semp o bene trova
che io guard e sorveglio a llà 'ncoppa
e ce sto avvecine nda ogni prova

e dici pure che avevo fatto testamento
pe nu funerale con brasiliane in perizoma
ma ie aggie viste sule facce trsite
pe nun parlà e francisc e l'orazione!

E mò peffavore nun fà o strunz
che è arrivato o mumente e salutà:
si a vita è sulamente nu passaggie
mò spieg tu che cazz chiagne a fà?"

 

MATTEO COBALTO